i tuoi supereroi sono giù


In occasione della Giornata mondiale della salute mentale, apriamo un melone che ci brama e ci affligge in parti uguali: salute mentale e mascolinità.

A cosa pensi quando leggi la parola "depressione"? Beh, probabilmente qualcuno taciturno, oscuro, egocentrico... colpito da numerosi traumi.

Normalmente non pensi a te stesso... Nemmeno al tuo miglior collega... Nemmeno al tuo collega... non penseresti neanche a Batman 🦇.

E tutto ciò è sbagliato perché tendiamo a immaginare la salute mentale come qualcosa di lontano da noi; cosa pazzesca. Quando in realtà è molto più vicino di quanto immagini.


BATMAN SI SBAGLIA MOLTO (ANCHE SE NON SEMBRA)

Torniamo a Batman: Bruce Wayne è un miliardario che di notte si traveste da pipistrello e combatte il crimine. Perché? Perché da bambino un ladro ha ucciso i suoi genitori davanti ai suoi occhi.


libro TRAUMITA

C'è stress post-traumatico . C'è un'ossessione compulsiva . C'è un disturbo antisociale di personalità . E c'è la depressione. Tanta depressione.

Non lo diciamo noi, ma analisi e libri ( Cosa c'è che non va in Batman? ) scritti da psicologi dal punto di vista clinico. Batman è una persona profondamente infelice , che trasforma il dolore emotivo in una violenta risposta fisica.

Egli espia la sua depressione dando ostie come pani ai criminali.

Dalle porte fuori, Batman sta facendo pm. Possiede la sua vita.

Ma a porte chiuse soffre la stessa desolazione e vuoto emotivo di qualsiasi persona depressa.

NON PARLARE, NON CHIEDERE

E tutta questa storia dei fumetti è interessante... per quello che dice sulla nostra relazione (come uomini) con la salute mentale.

Nell'immaginario popolare, Batman è l'epitome della mascolinità.


Un uomo intelligente, ammirato da tutta la società, fantastico, fottuto amministratore delegato di una delle più grandi corporazioni di Gotham, sofisticato, bello, con tutta la tecnologia che il denaro può comprare... e con una fottuta Batcaverna. Chi non ha mai desiderato essere Batman?

Quante volte abbiamo ammirato il fatto che non sorride mai (mai) ? È un tipo duro. Non lascia che nulla lo influenzi. UN UOMO in lettere maiuscole.

E la realtà è che Batman non sorride perché non è felice. Non lo è mai stato. E come lui molti altri supereroi che ammiriamo. Se la DC mettesse una riduzione personale su tutti i loro personaggi, avremmo ancora i fumetti?

Ma non ci pensiamo nemmeno... Non succede ai supereroi. Non succede alle persone "di successo". Non può succedere a persone come noi, normali .

Se succede... ci sbagliamo; è che siamo difettosi. E poi, è meglio tacere nel caso qualcuno ci notasse.

In molti modi, gli uomini hanno applicato alla salute mentale la stessa politica che l'esercito americano ha applicato all'omosessualità: non chiedere, non dire . Non chiedere di lei, non parlare di lei.

SMANTELLARE L'"UOMO FORTE"

E questo è molto incasinato.

In modo più o meno consapevole, abbiamo imparato a stigmatizzare l'ansia o la depressione... come problemi rari ed eccezionali. Problemi che vanno anche contro tutto ciò che ci è stato insegnato fin dall'infanzia: gli uomini sono forti, robusti, solidi.

"Gli uomini non piangono". Uno stereotipo piuttosto dannoso .

Gli uomini sono stati educati a sopprimere le nostre emozioni e hanno insegnato che parlare di salute mentale è motivo di vergogna... che scoraggia a parlarne con la propria cerchia ristretta o pubblicamente.

Queste idee hanno plasmato l' identità di diverse generazioni e hanno reso la salute mentale qualcosa di tipico del "debole". Il tipo di persone che Batman combatte, non Batman.

Per questo non ne parliamo . E quando non parliamo, diventa una palla e poi arrivano le conseguenze .

Una “nuova” mascolinità positiva

La mascolinità, come idea, è rimasta molto indietro rispetto a questa cosa della salute mentale. È tempo di cambiare il paradigma su ciò che l'essere uomo, l'essere forte, implica in questo senso.

È ora che anche gli uomini abbraccino la "cura di sé", un campo dove la consapevolezza è cambiata da tempo tra le donne e dove noi, con tutto il ritardo che abbiamo... possiamo/dovremmo entrare.

Perché essere forti non significa stare zitti, fare i conti e poi uscire a distribuire ostie ai cattivi... ma aprirsi; Non è trattenersi, ma accettare le proprie debolezze e abbracciarle; Non è non sorridere, è presumere che tu abbia anche una gamma di emozioni.

Si tratta, insomma, di essere meno come Batman. Quel Batman è #putofatal.

E quando uno è malato, chiede aiuto attraverso la bocca. Non combatte il crimine vestito da pipistrello.


PS: e senza l'intenzione di mescolare churras con Merinos, il post di questa settimana è sponsorizzato dalla nostra maschera di ricarica degli eroi , ideale per un po' di cura di sé, dall'amarsi all'amarsi molto. 🖤

MASCHERA RICARICA DEGLI EROI

Confezione da 4 maschere facciali in idrogel con effetto ricarica-batteria. Idrata, rinfresca, aiuta con i brufoli e riduce le rughe e i postumi della sbornia del giorno prima.


Sivin
Facciamo bene!


Related Posts

Protectores solares: Mitos y leyendas
Protectores solares: Mitos y leyendas
Protectores solares:🌞🧚🏽‍♂️Mitos y leyendas 🧚🏽‍♂️🌞 Protectores solares: Mitos y leyendas 🧚🏽‍♂️🌞 Como toda marca de...
Read More
Combinaciones (im)posibles de activos en cosmética
Combinaciones (im)posibles de activos en cosmética
Combinaciones (im)posibles de activos en cosmética Combinaciones (im)posibles de activos en cosmética Las peras co...
Read More
Retorciendo palabras de amorch 💘
Retorciendo palabras de amorch 💘
Retorciendo palabras de amorch 💘 Un junio más para juntar lo que más nos gusta: planes al sol, domingos y domingas a...
Read More