Tu mi dai la panna, io ti do la panna

Come ogni brand cosmetico che si rispetti, con l'estate arriva il nostro tipico articolo sulle creme solari. Visto che parlarvi di "raccomandazioni di sicurezza in fiera" sarebbe stato un jevy turra... abbiamo deciso di dedicare questo post a sfatare i miti più comuni che trovate su internet 😜

Prima di iniziare: le basi del sole.

Il sole è fresco, fa fresco e aiuta il tuo corpo e la tua mente se lo prendi per 10-20 minuti, 3 volte a settimana . Ma se tua madre ti ha imbrattato da piccolo con quella roba che ti faceva scivolare sul carro, era per un motivo.

Oltre a tutte le cose deliziose che porta, Lorenzo ha due tipi di fulmini che… non gli piacciono:

  • UVA – A da invecchiamento; Voglio dire, ti fanno sembrare più vecchio di quello che sei.

  • UVB-B per scottature; cioè che bruci come il bastoncino di un churrero

Mito 1: se la crema dice SPF, sono protetto dal sole

Impostore.

SPF si riferisce alla protezione contro i raggi UVB, ma NON si riferisce ai raggi UVA.

Per avere una protezione UVA, devi cercare le parole "protezione ad ampio spettro" sulla tua crema

Mito 2: SPF 15 è per quando vuoi abbronzarti e SPF 50 se hai la pelle molto chiara.

Impostore.

Il numero accanto alla parola SPF indica... quanto tempo "extra" ci vuole per bruciare se applichi la lozione vs. se non lo butti via. È un modo per misurare la protezione, INDIPENDENTE dal tipo di pelle.

Con un esempio si capisce meglio:

  • Se, 'senza mettere niente', duri circa 5 minuti prima di scottarti, con un SPF30 dureresti 5x30 = 150 minuti senza scottarti.

  • Se 'senza aggiungere nulla' durate 30 minuti prima di bruciare, con un SPF30 durereste 30x30 = 900 minuti senza bruciare.

Se sei coreano (e, ovviamente, attento alla cura della pelle e alla protezione 😅), indosserai SPF50 senza pensare al tono della tua pelle (non conosco nemmeno molti coreani con la pelle molto scura, ma puoi capire l'idea, Giusto?).

Se sei un dermatologo, sono certo che non consiglierai meno di SPF30 a TUTTI, come base (mai meno). Se sei una persona a piedi... beh, stai già cambiando perché funziona per te.

Luogo comune 3: i filtri naturali sono più rispettosi dell'ambiente

Impostore.

Per proteggerti dal sole vengono utilizzati i cosiddetti 'filtri', che possono essere di due tipi:

  • Fisici , organici o 'naturali', che sono minerali frantumati in polvere. L'effetto che provocano è una barriera o "muro" che impedisce ai raggi di attraversarli. In generale, lasciano il viso bianco e sono pastosi. Per evitare quell'effetto "faccia bianca" e pasta, alcuni marchi producono "nanoparticelle" con filtri fisici... e ai pesci e al plancton non piace affatto.

  • Prodotto chimico o di laboratorio. Fanno una reazione chimica che trasforma la luce in calore. Non lasciano il viso bianco e sono meno unti... ma in compenso tendono ad irritare di più la pelle sensibile. Di questi, ce ne sono alcuni come ad es. oxybenzone o octinoxate che sono stati vietati in luoghi come le Hawaii dal 2018.

Conclusione:

  • Ci sono alcuni filtri "naturali" e chimici che fanno male all'ambiente.

  • Ci sono altri filtri 'naturali' e chimici che sono rispettosi e buoni.

Mito 4: se indosso il protettore 50, posso dimenticare ed essere calmo

Metà...

Bene qui, aggiungiamo un po' di dramma alla faccenda, ci piace un buon manzo. Si scopre che dal 2020 qualcuno si è preso la responsabilità di "rivedere" gli esami che hanno rimosso alcuni marchi dalla "protezione"... e hanno abbassato il voto. Ci sono molti esempi di creme internazionali (e nazionali) che hanno dovuto ritirare le loro creme dal mercato perché si è scoperto che avevano una protezione inferiore a quella pubblicizzata.

Non siamo stati ingannati? Non è neanche quello...

Per mettere un SPF 50 o 50+ su un biberon, devi pagare uno studio condotto da un laboratorio indipendente (non è del tutto "credibile" che tu dica che il tuo prodotto è il latte). In altre parole, sono coinvolti alcuni ' auditor' .

Se prendi un 'auditor' diverso... è come cambiare l'insegnante che valuta l'esame... sicuramente il punteggio cambierà (su o giù).

Quei marchi volevano ingannarti? non necessariamente. Cosa ora con la revisione al ribasso di alcuni brand ha messo paura nei nostri corpi? Potrebbe essere...

Che grazie all'MDMA oggi ho un lavoro fisso (oh, che casino...)

Il caso, che ci sono ancora MOLTI progressi da fare in materia di creme solari e, come con i metodi contraccettivi... qui non basta fidarsi solo dei prodotti che fanno i marchi, ma bisogna metterci un po' un po 'di cocco e imparare l'argomento ed evitare di fare pazzie con il sole .

Se, come con qualsiasi veleno, consumi "responsabilmente" e usi la protezione quando si tratta di esso, non avrai problemi e sarai più felice di una liquirizia.

Wedge: il nostro Handsomefyer Sun ha un SPF50 ad ampio spettro e combina filtri fisici e chimici per ottenere quella protezione, ma senza lasciare il tuo viso come il gotelé nel salone di tua nonna. E non abbiamo inserito nessuno dei filtri che danneggiano pesciolini o coralli.

Ci raffreddiamo bene,

Sivin

Related Posts

Cosas que solo haces en los hoteles
Cosas que solo haces en los hoteles
25 cosas que SOLO haces  en hoteles de vacaciones  🚧CERRADOS POR VACACIONES🚧 No nos hemos pirado de parranda ...
Read More
Manual del Buen Marica triple M - Machote, Mamado y Ma-majo
Manual del Buen Marica triple M - Machote, Mamado y Ma-majo
Manual del Buen Marica triple M  Machote, Mamado y Ma-majo ¿Qué tienen los “maricas bien” (que tú no tienes) ? ...
Read More
Se te ve el plumero
Se te ve el plumero
Se te ve el plumero:  ranking de expresiones plumófobas Se te ve el plumero:  ranking de expresiones plumófobas ...
Read More