Froci di città e cliché rurali

È allettante giocare a fare il cieco-sordo-muto (à la Shakira) in questi giorni arcobaleno per presumere che il tuo codice postale non abbia importanza durante le celebrazioni del Pride di questo fine settimana.

Ma portare la penna a spasso per Chueca non è la stessa cosa che per le strade acciottolate della tua città. Dove arrivano il 4G e i meme attivisti ... il discorso LGBTI non sempre permea.

Se sei cresciuto in un VILLAGGIO... sai perfettamente di cosa stiamo parlando.

Allora preparatevi e allacciate le cinture perché nel post di questa settimana andiamo in gita in campagna (quella che vi ho regalato) per affrontare i luoghi comuni più triti (che non sono meno attuali) di ogni frocio rustico che si rispetti.

Frocio di provincia: luoghi comuni e fasi della sopravvivenza

1. “...il piccolo di Manoli”

Non sei di un paese se non sei mai stato interrogato da signore anziane 👵🏼 al punto “e di chi sei?”.

È ciò che deve attecchire in un luogo con meno strade di Monopoli e dove genealogia e intrastoria sono un romanzo più appetitoso. quel Café con Aroma de Mujer alle 4 del pomeriggio di domenica.

Per questo uscire allo scoperto in città... è uscire con tutta la famiglia, con i vicini, con il macellaio, con quelli del bar... e diventare l'involontario annuncio della fiera.

2. Ottieni il wifi, ma non i riferimenti

Qualsiasi adolescente di Deep Spain con una connessione decente ha accesso a tutti i riferimenti e i discorsi che desidera per capovolgere il proprio mondo.

Ma i TikToker LGBT non camminano per le strade della tua città. "C'era una femminuccia che andava in città, ce n'era un'altra che alla fine tornava per andare in pensione..." . Ti mancavano amici queer, compagni di classe bisessuali, fidanzati... specchi dove potevi guardarti e scoprirti come facevano gli altri ragazzi della tua età.

3. Collezioni sfondi neri e foto di torsi nudi

E con il risveglio sessuale e il download di sex app come 'ti prendo qui e ti spazzolo nel frutteto' è nato un curioso fenomeno rurale: più lontano, informazioni meno costose e affidabili.

Sono molto discreto, amico... non faccio foto... preferisco non dire... nessuno sa di me...

Il "buffet" in città non è come il "menù riassuntivo e annuale" (perché anch'esso non cambia) in campagna. E oltre al numero di piatti... abbassano l'asticella di un uovo. Non stiamo parlando di 'qualità'... ma di 'pericolosità'; perché molti finiscono per restare a scopare con certa gente... e in qualche pagliaio... dove gli americani ti avrebbero già girato 3 film dell'orrore.

4. Nel villaggio, al chiuso

Un altro mantra (abbastanza tradizionale e folcloristico) in cui si confondono privacy e anonimato... con l'abnegazione.

Rimani in silenzio quando qualcuno scherza con le femminucce in TV, cambi argomento quando ti chiedono perché giochi solo con le ragazze, distogli lo sguardo quando cercano di metterti in contatto con una ragazza della città vicina...

Per non disturbare, in modo che tua madre non si vergogni di quello che diranno, perché tua nonna è troppo vecchia e non capirebbe... perché, alla fine, 'nessuno in città deve sapere di te' E alla fine, sulla base dei silenzi, neghi e, quindi, neghi te stesso.

5. Piccola città moderna, tavolozza cittadina

Generalizzando (sempre) arriva un momento in cui decidi di lasciare la città per essere; sperimentare senza l'occhio comune che si libra sopra la tua spalla.

Finché non scopri che 'la città' più vicina a te non è l'oasi di diversità e inclusione che ti aspettavi.

'Paleta, provinciale, frocio di città…'

Va bene che la tua esca si arricchisca, ma forse non l'accessibilità a nuovi circoli di fiducia perché una banda classista e per i motivi più disparati continua ad esistere in tutti i quartieri.

6. La città: gabbia e riparo

C'è un ritorno dall'esilio rurale? Della destinazione apparente e necessaria del volo? Beh, a meno che la ferita non sia grave e sia ancora aperta... sempre.

La gente ci conosce e ci protegge.

Ci ha visto nascere, crescere, fare i nostri primi drink (se è in una città della Spagna, probabilmente ce n'erano troppi).

La tua gente fa parte di te e lo sarai sempre, della tua gente. Lì incontri persone di cui ti fidi, davvero. Ci sono persone che ti conoscono, davvero.

E sebbene fosse un posto difficile per sventolare la bandiera e scoprire se stessi, forse con l'età vedi anche tutto come più vario, più rilassato, meno caotico (a cominciare da te).

Come disse Paquita Salas: "Ci sono stati finocchi in tutta la storia dell'umanità. Tutta la STORIA... Non può esserci un frocio anche a Puente Viejo?"

PS: A Siwon inviamo creme in qualsiasi città della Spagna. Ottieni il nostro Handsomefyer XTRA, ad esempio, per mostrare il tuo volto da star del cinema in Plaza Mayor e al festival.

BELLO FYER XTRA

Creampie all-in-1 con copertura extra ed effetto "Ti sei fatto qualcosa?".
Copre i pori e le rughe, idrata, uniforma il tono della pelle e la protezione solare.

Ci raffreddiamo bene,
Sivin

Related Posts

Primavera Trompetera Abstemia y Abscesos Primaverales
Primavera Trompetera Abstemia y Abscesos Primaverales
Primavera trompetera De abstemia y abscesos primaverales  Esta semana ha vuelto a resurgir la primavera trompetera...
Read More
Padrear, pappies y daddie glow-up
Padrear, pappies y daddie glow-up
De padrear y daddy glow-ups Querido papichulo, papito o DILF; se acerca el día del padre. Podríamos dedicarnos a esc...
Read More
Una de amigos con derecho a roce y antioxidantes
Una de amigos con derecho a roce y antioxidantes
Una de amigos con derecho a roce y antioxidantes “¿Quién no se ha dado un pipazo con una buena amiga?” - Lola Flo...
Read More